CARE ME, CARE ALL
L’IMPORTANZA DELLA RELAZIONE RACCONTATA A BAMBINI, RAGAZZI E CAREGIVERS

C’era una volta un’ipotesi, antica ed empirica, secondo la quale l’essere umano è per natura altruistico. Per questo, nel corso dei secoli, la collaborazione ha rappresentato uno dei massimi strumenti per il progresso e la solidarietà uno dei modi per realizzare il benessere, proprio e altrui. 

Da qui nasce il concetto di compassione, una parola spesso associata a forme di pietà e commiserazione, ma che, in realtà, ha origine nel confronto con la sofferenza e che richiede il coraggio – e la sensibilità – di sedersi al fianco di chi è vulnerabile, legittimandone il dolore e adoperandosi per supportare concretamente la persona che soffre. Con quale obiettivo? Quello di stare meglio.

Care me, Care All: un progetto sociale su basi scientifiche

Realizzato dall’Associazione ESSERE ESSERI UMANI, con il contributo economico della  Regione Lombardia, “CARE ME, CARE ALL” ha diffuso la portata di concetti apparentemente semplici, come quelli di convivenza civile e bene comune, con metodi di narrazione ponderati sugli interlocutori e con risvolti scientifici derivati dalle recenti scoperte delle neuroscienze.

Partendo dall’evidenza scientifica che dimostra come le azioni compassionevoli si traducano in una condizione di maggior benessere sia per il soggetto che le compie, che per il soggetto che ne beneficia, il progetto fa leva sulla pedagogia della compassione come strumento di autoconsapevolezza finalizzato non solo alla conoscenza, ma anche alla crescita di individui cooperativi.

L’obiettivo è quello di educare al rispetto del sistema di appartenenza secondo i valori di condivisione e di etica contrapposti al solo vantaggio personale del qui ed ora e a favore di un vantaggio collettivo orientato anche al futuro. 

Care me, Care All: la giusta formazione per tutti

Care Me, Care All è composto da diversi momenti formativi disegnati su misura della platea di riferimento: adulti, ragazzi e bambini possono approcciarsi alla compassione attraverso il linguaggio più adatto e attività che permettono di sperimentarla direttamente nei propri ecosistemi di vita.

Tre webinar aperti per adulti e caregivers (genitori, educatori, insegnanti) si concentrano sull’importanza della relazione per la costruzione del cervello umano, sui fondamenti biologici della cooperazione, dell’empatia e della compassione, nonché sull’importanza delle emozioni come marcatori delle nostre esperienze.

Ai ragazzi delle scuole secondarie di II grado è dedicato un percorso di tre incontri finalizzato alla produzione di un video sulla compassione, sotto la guida dello scrittore/autore Massimiliano Comparin e del regista RAI Alessandro Galassi.

Infine, il progetto coinvolge i bambini della scuola primaria con laboratori condotti da psicologhe ed educatrici dell’infanzia che accompagnano i più piccoli in percorsi espressivi sui temi dell’empatia, del rispetto, della gestione delle emozioni e della cooperazione con lettura di fiabe e l’utilizzo di albi illustrati.

Care me, Care All: la compassione continua

Care Me, Care All è un progetto continuativo che può essere realizzato nel tuo contesto di lavoro.

Scuole di ogni ordine e grado, ma anche aziende pubbliche e private possono ospitare le attività più adatte con lo scopo di educare e formare alla relazione, partendo dalla sua importanza validata scientificamente.

Scrivi per avere informazioni: risponderemo alle tue domande e organizzeremo insieme la tua esperienza. 

error: Content is protected !!